Info Line: 0864.27.19.23
Prodotti Bellezza Salute online Farmacia online
Ricerca avanzata
31 Gennaio 2018 / Farmajet News

Calvizie: siamo vicini ad una cura?

La calvizie una fonte di sofferenza di uomini e donne, ma nonostante decenni di ricerca, una cura non è ancora disponibile. Potrebbe una cura per la calvizie essere dietro l’angolo?
Calvizie: siamo vicini ad una cura?

La calvizie è una parte accettata del processo di invecchiamento per alcuni e una fonte di sofferenza per gli altri. La perdita dei capelli colpisce milioni di uomini e donne, ma nonostante decenni di ricerca, una cura non è ancora disponibile. Quanto siamo vicini a trovare una bacchetta magica per la calvizie?

L’alopecia androgenetica – che è più comunemente conosciuta come calvizie maschile e calvizie femminile – è il tipo più comune di perdita di capelli , che colpisce circa 10 milioni di donne e 20 milioni di uomini in Italia.
Negli uomini, la caduta dei capelli inizia sopra entrambe le tempie e si ritira nel tempo per formare una forma a “M”. I capelli tendono anche ad assottigliarsi sulla corona e possono progredire fino alla completa o parziale calvizie. Nelle donne, l’attaccatura dei capelli non regredisce e raramente si traduce in una calvizie totale, ma i capelli di solito diventano più sottili su tutta la testa.
La calvizie maschile è ereditaria e può essere legata agli ormoni sessuali maschili. La perdita dei capelli maschile può iniziare già durante l’adolescenza . Colpisce i due terzi degli uomini all’età di 35 anni e circa l’85% degli uomini all’età di 50 anni.
Le cause della calvizie femminile non sono chiare. Tuttavia, la perdita di capelli si verifica più frequentemente nelle donne dopo la menopausa , il che indica che la condizione può essere associata alla riduzione degli ormoni femminili.
Con l’alopecia androgenetica che colpisce così tante persone, una cura permanente non solo ridurrebbe l’ ansia per una percentuale significativa della popolazione, ma si rivelerebbe anche economicamente vantaggiosa per l’azienda farmaceutica responsabile della scoperta.

Fasi di crescita dei capelli, miniaturizzazione

I capelli sono costituiti dal follicolo pilifero (una tasca nella pelle che fissa ogni pelo) e l’asta (la fibra visibile sopra il cuoio capelluto). Nel bulbo pilifero, situato alla base del follicolo, le cellule si dividono e crescono per produrre il fusto del capello, che è costituito da una proteina chiamata cheratina. La papilla che circonda la lampadina contiene minuscoli vasi sanguigni che nutrono i follicoli piliferi e forniscono ormoni per regolare la crescita e la struttura dei capelli.
calvo2
 
La crescita dei capelli avviene in cicli. Un follicolo pilifero produce i capelli per alcuni anni e poi va in riposo per diversi anni.
I follicoli piliferi, come tutte le cellule, hanno cicli. Una parte naturale del ciclo comporta lo spargimento di circa 50-100 capelli al giorno.
Ogni follicolo produce capelli per 2-6 anni e poi si prende una pausa per diversi mesi. Mentre il follicolo pilifero si trova nella sua fase di riposo, i capelli cadono. Ci sono circa 100.000 follicoli sul cuoio capelluto, ma poiché ogni follicolo si trova in un momento diverso e altri producono peli, la perdita di capelli è solitamente impercettibile. La perdita di capelli più evidente si verifica quando si verifica un’interruzione del ciclo di crescita e di spargimento o se il follicolo pilifero viene cancellato e sostituito con tessuto cicatriziale.
Gli scienziati ora comprendono che la calvizie si manifesta attraverso un fenomeno noto come miniaturizzazione. Alcuni follicoli piliferi sembrano essere geneticamente ipersensibili alle azioni del diidrotestosterone ( DHT ), che è un ormone che viene convertito dal testosterone con l’aiuto di un enzima contenuto nelle ghiandole dell’olio del follicolo.
Il DHT si lega ai recettori nei follicoli piliferi e li contrasta, rendendoli progressivamente più piccoli. Col passare del tempo, i follicoli producono peli più sottili e crescono per un tempo più breve del normale. Alla fine, il follicolo non produce più i capelli, lasciando la zona calva.

Trattamenti per la perdita dei capelli esistenti

Attualmente, ci sono poche opzioni di trattamento disponibili per fermare o invertire la miniaturizzazione. La maggior parte dei trattamenti di perdita dei capelli gestiscono solo la perdita dei capelli, piuttosto che essere una soluzione permanente.
 
calvo3
 
I trapianti di capelli sono una delle soluzioni più permanenti per la caduta dei capelli. Tuttavia, come con tutti i trattamenti attuali, ha i suoi limiti.
Gli unici due farmaci approvati dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense per il trattamento della perdita di capelli sono minoxidil (Rogaine) e finasteride (Propecia).

Minoxidil

L’uso del Minoxidil per la calvizie è stato scoperto per caso. Il minoxidil era ampiamente usato per trattare l’ ipertensione , ma i ricercatori hanno scoperto che uno degli effetti collaterali del farmaco era la crescita dei capelli in aree inaspettate.
La lozione del Minoxidil viene applicata sul cuoio capelluto e può funzionare aumentando il flusso sanguigno, e quindi il nutrimento, ai follicoli piliferi. L’American Hair Loss Association afferma che la maggior parte degli esperti concorda sul fatto che il Minoxidil è “un farmaco relativamente marginalmente efficace nella lotta contro la caduta dei capelli”.
Il trattamento ha un effetto zero sul processo ormonale di perdita di capelli e i suoi benefici sono temporanei. La perdita dei capelli continua se l’uso viene interrotto.

Finasteride

Gli effetti collaterali della crescita dei capelli di Finasteride sono stati scoperti durante lo sviluppo di un farmaco per il trattamento delle ghiandole della prostata allargate.
La finasteride inibisce la 5-alfa-reduttasi di tipo II, che è l’enzima responsabile della conversione del testosterone nel DHT androgeno più potente. Si dice che i livelli di DHT siano ridotti del 60 percento quando il farmaco viene assunto, il che impedisce ai follicoli suscettibili di essere influenzati dall’ormone e di ritornare alla loro dimensione normale.
Questo trattamento non funziona nelle donne, e il suo effetto rimane solo fino a quando viene assunto.

Dutasteride

Dutasteride (Avodart) è usato per trattare l’allargamento della prostata. Mentre la FDA non ha approvato il farmaco per trattare la perdita di capelli, i medici a volte prescrivono la dutasteride off-label per la calvizie maschile.
La dutasteride funziona in modo simile alla finasteride, ma potrebbe essere più efficace. Come la finasteride, la dutasteride inibisce l’attività della 5-alfa reduttasi di tipo II. Tuttavia, la dutasteride inibisce ulteriormente il tipo I dell’enzima. Il blocco di entrambi i tipi di enzima riduce ulteriormente il DHT e riduce il rischio di danni ai follicoli piliferi.
Questo farmaco ha le stesse limitazioni della finasteride, il che significa che funziona solo se assunto quotidianamente e potrebbe diventare meno efficace nel tempo.
Queste terapie possono rallentare o prevenire un’ulteriore perdita di capelli, e potrebbero stimolare la ricrescita da follicoli che sono stati dormienti ma ancora vitali. Tuttavia, possono fare poco per i follicoli che sono già diventati inattivi. Usarli in uno stadio precedente di perdita dei capelli vedrà risultati più favorevoli.
Integratore specifico per bloccare la caduta dei capelli, a base di estratti vegetali, aminoacidi solforati, minerali e vitamine. Contiene Tricogenina che è un’associazione di miglio, PABA, L-Metionina e L-cisteina. Contiene miglio, che favorisce il benessere dei capelli, biotina, zinco e selenio che contribuiscono al mantenimento di capelli normali.
E’ adatto ai vegani. Senza glutine. Senza lattosio.
– Miglio: il miglio è composto soprattutto da carboidrati ed è piuttosto calorico. Contiene proteine ad elevato valore biologico, superiori rispetto a quelle di altri cereali, con altissima presenza di aminoacidi solforati (cistina, metionina); inoltre le proteine contenute nel miglio sono facilmente assimilabili. Il miglio è ricchissimo di sali minerali tra cui ferro, potassio, fosforo, magnesio, zinco, calcio, sodio e silicio. Contiene soprattutto vitamine del complesso B, ma anche vitamine A, E e PP. È facilmente digeribile e vanta proprietà diuretiche. Contiene acido salicilico.
Il miglio è considerato da sempre un alimento utile alla bellezza di capelli, ciglia, pelle, denti e unghie. Stimola la produzione della cheratina di unghie e capelli e aiuta a rinforzare lo smalto dei denti. La sua azione stimolante sulla pelle non è stata dimostrata scientificamente; tuttavia l’elevata presenza di proteine strutturali ne suggerisce l’uso per ridare vigore ai capelli sfruttati e fragili, oltre che alle unghie deboli. In generale, quindi, il miglio sembra essere un alimento molto utile per la salute degli annessi cutanei.
– Serenoa Repens: la Serenoa repens è oggi largamente utilizzata nel trattamento dell’ipertrofia prostatica benigna e dell’alopecia androgenica (caduta dei capelli sostenuta da disordini endocrini). L’estratto di Serenoa repens interviene nel ciclo di trasformazione del testosterone in DHT (diidrotestosterone) che avviene grazie all’intervento dell’enzima 5 alfa-reduttasi. Il rimedio a base di serenoa sembra infatti in grado di agire su questo enzima inibendo la produzione eccessiva di DHT e, di conseguenza, riducendo fenomeni come la miniaturizzazione dei capelli, l’evidente stempiatura dovuta alla caduta precoce e la seborrea, uno degli effetti con cui si manifesta l’alopecia.
– PABA: l’acido para-amino benzoico, è una pseudo- vitamina idrosolubile, originariamente considerata una delle vitamine del gruppo B. Il PABA è un componente della molecola dell’acido folico ed è implicato nell’assimilazione dell’acido pantotenico, di cui rende più efficace l’azione. Questa sostanza è importante per l’utilizzazione delle proteine, in quanto agisce come un coenzima e viene sintetizzata direttamente dall’organismo, del quale promuove la crescita, interviene nella formazione dei globuli rossi e nell’attività batterica intestinale. Il PABA è largamente utilizzato in cosmetica per la sua attività, dimostrata da diversi studi, di prevenzione e riduzione delle rughe, mantenendo la pelle sana e liscia.Viene inoltre utilizzato come costituente base delle creme filtro adatte all’abbronzatura. Il PABA è un nutriente presente in natura in verdure verdi, melassa, fegato, lievito, rognone, cereali integrali, latte e carne. Fino ad ora sono state poche le ricerche cliniche che hanno sperimentato il PABA e a tutt’oggi non è stato ancora individuato il suo fabbisogno giornaliero e il reale effetto di questa sostanza nell’uomo. Tuttavia in seguito a un suo scarso apporto sono stati osservati i seguenti sintomi: incanutimento, costipazione, depressione, disturbi digestivi, cefalea, irritabilità, affaticamento, anemia. I principali antagonisti del PABA sono sulfamidici, caffeina, alcol ed estrogeni, mentre lavora in sinergia con le vitamine del complesso B, con la vitamina C e l’acido folico.
Secondo alcuni autori, la somministrazione di PABA in associazione con l’acido folico e la biotina, può svolgere un’azione benefica sui capelli. Un’interessante applicazione del PABA, infatti, è quella di essere in grado di ripristinare il colore naturale dei capelli. In alcuni studi la supplementazione di questo nutriente (200 mg – 6 g/die) ha mostrato la capacità di ridurre del 10-15% l’incanutimento dei capelli.
– L-Metionina: nella sua naturale forma levogira L- è un amminoacido proteinogenico. Appartiene agli amminoacidi essenziali e non può essere sintetizzata autonomamente dal corpo. Per questo motivo è estremamente importante introdurla in quantità sufficiente tramite l’alimentazione o con un integratore alimentare. Grazie alla sua caratteristica di formare catene di zolfo, che a loro volta si legano fra loro formando delle reti, è in grado di rafforzare la struttura dei capelli e delle unghie. E’ stato reso pubblico uno studio da cui è risultato che il numero dei capelli in fase di crescita nel gruppo metionina, al quale è stato somministrato un preparato con una combinazione di amminoacidi e vitamine del complesso B, era significativamente superiore rispetto al gruppo di controllo.
– L-Cisteina: si tratta di un amminoacido presente nel cuoio capelluto. La crescita e la robustezza dei capelli dipendono proprio dalla sua presenza. Test di laboratorio hanno confermato infatti che una carenza di cisteina porta ad una riduzione della crescita dei capelli e ad un loro indebolimento. Essa è fondamentale per la resistenza  “meccanica” dei capelli. Inoltre, la cisteina riduce la tossicità dei metalli pesanti, la fatica durante l’esercizio fisico, l’erosione della cartilagine associata all’invecchiamento. Indispensabile per il processo di cheratinizzazione, ovvero di formazione dello strato corneo dell’epidermide, la cisteina è presente in grandi quantità nei capelli e nelle unghie.
La L-cisteina è un costituente importante di molte sostanze fondamentali per il nostro l’organismo: dalla cheratina, la proteina presente nei capelli e nelle unghie, all’insulina, l’ormone che regola i livelli degli zuccheri nel sangue, fino al glutatione perossidasi, l’enzima coinvolto nei processi che aiutano l’organismo a contrastare l’effetto dei radicali liberi.
– Biotina: la vitamina H, meglio definita Biotina, talvolta indicata come vitamina B7, è una vitamina idrosolubile del complesso B.Classicamente la Biotina, come integratore, rientra nella formulazione di multivitaminici e di integratori e cosmetici destinati al mantenimento dell’integrità degli annessi cutanei, come unghie e capelli.
Proprio in virtù del suo prezioso ruolo metabolico, la Biotina risulterebbe utile nel trattamento di alcuni deficit enzimatici congeniti; nel miglioramento del metabolismo degli zuccheri, compromesso in alcune patologie come il diabete; nel miglioramento della qualità degli annessi cutanei, come dimostrato in particolari condizioni pediatriche caratterizzate dalla presenza di capelli sottili e fragili; nel miglioramento della qualità delle unghie; nel miglioramento del metabolismo intermedio.
– Zinco: lo zinco è un minerale che appartiene alla categoria dei cosiddetti minerali traccia, presenti in piccolissime quantità in tutti i tessuti corporei. È maggiormente localizzato nel fegato, nel pancreas, nei reni, nelle ossa, nei muscoli, negli occhi, nella prostata, negli spermatozoi, nella pelle, nei globuli bianchi e nelle unghie.
Entra a far parte della struttura di enzimi che permettono la sintesi di DNA e RNA (costituenti del patrimonio genetico dell’organismo) e anche la formazione di molte proteine nelle cellule. Favorisce l’assorbimento e il funzionamento di molte vitamine, in particolare della vitamina A e di quelle del gruppo B. È un componente di alcuni enzimi che attivano la digestione e l’utilizzazione degli zuccheri e dell’alcol. Partecipa alla formazione di numerosi ormoni come l’insulina (che regola il metabolismo degli zuccheri assorbiti dagli alimenti), la timulina (ormone prodotto dal timo, organo implicato nella risposta immunitaria), gli ormoni sessuali maschili. Facilita la guarigione delle ferite in seguito a traumi, interventi chirurgici e scottature. Stimola lo sviluppo e la maturazione degli organi sessuali maschili e femminili e il buon funzionamento della prostata (benefici sono gli effetti anche nel trattamento dell’infertilità maschile). Garantisce la buona funzionalità del sistema immunitario contro le infezioni batteriche e virali. Attiva il metabolismo dell’alcol, proteggendo in tal modo il fegato. Migliora l’azione dell’insulina nei soggetti diabetici, prolungandone l’effetto. Favorisce una buona capacità visiva e la visione crepuscolare. Stimola l’appetito e contribuisce a mantenere acuti il gusto e l’olfatto. Aiuta a eliminare i depositi di colesterolo.
– Selenio: il selenio è un minerale essenziale per la vita, responsabile della sintesi delle selenoproteine che sono coinvolte nel metabolismo degli ormoni tiroidei. È necessario per il sistema riproduttivo, in particolare per quello maschile. Previene il cancro alla prostata. Trattamento del tumore alla vescica. Effetto antiossidante e stimolante il sistema immunitario. In sinergia con la vitamina C agisce contro le infezioni, soprattutto influenzali. Con il rame e con le proteine a elevato valore biologico è utile nella cura del Kwashiorkor, la malattia da malnutrizione proteico-calorica che colpisce soprattutto i bambini di alcune regioni africane. È essenziale per il buon funzionamento della tiroide: il selenio è un componente essenziale del sistema enzimatico che trasforma la tiroxina (T4) in triiodotironina (T3), e quindi svolge un ruolo importante nel supportare la funzione tiroidea. Il selenio ha un effetto protettivo dalle malattie cardiache.
Ingredienti:
Tricogenina (Miglio – panicum miliaceum L. frutto, L-cisteina cloridrato, L-metionina, acido para-amminobenzoico), agente di rivestimento: idrossipropilcellulosa; serenoa repens (serenoa repens (W.Bartram) Small.) frutti e.s. tit. 45% in acidi grassi, acido L-ascorbico (vitamina C), zinco gluconato, agente di carica: cellulosa; agente antiagglomerante: sali di magnesio degli acidi grassi; L-selenometionina, retinil acetato (vit. A), calcio D-pantotenato, rame gluconato, piridossina cloridrato (vitamina b6), d-biotina.
Modo d’uso:
Si consigli al’assunzione di 1 capsula al giorno, seguita da un abbondante sorso d’acqua.
Tenori medi per dose massima giornaliera (1 capsula):
Tricogenina 243 mg, di cui miglio 70 mg, PABA 20 mg, L-metionina 50 mg, L-cisteina 70 mg; Vitamina C 29,4 mg; Vitamina B6 1,4 mg; Acido pantotenico 4,5 mg; Biotina 25 mcg; Vitamina A 800 mcg; Zinco 3,5 mg; Rame 0,56 mg; Selenio 8,5 mcg; Serenoa e.s. 60 mg di cui acidi grassi 27 mg.
biotricolin

Trapianto di capelli

Il trapianto di capelli comporta la raccolta di follicoli dalla parte posteriore della testa che sono resistenti al DHT e li trapiantano in aree calve. Un chirurgo rimuoverà minuscole spine di pelle che contengono alcuni peli e impiantare le spine dove i follicoli sono inattivi. Circa il 15% dei peli esce dal follicolo come un singolo capello e il 15% cresce in gruppi di quattro o cinque capelli.
Alla fine della procedura, la persona avrà ancora la stessa quantità di capelli – sarà distribuita più uniformemente sul cuoio capelluto. Trattare la perdita di capelli attraverso la procedura chirurgica può essere doloroso e costoso. C’è anche il rischio di cicatrici e infezioni.

Terapia laser a basso livello

La terapia laser a basso livello (LLLT) è una forma di luce e trattamento termico. LLLT ha dimostrato di stimolare la crescita dei capelli sia negli uomini che nelle donne. I ricercatori ipotizzano che i principali meccanismi coinvolti nel processo siano la stimolazione delle cellule staminali epidermiche nel follicolo e il ritorno del follicolo nella fase di crescita del ciclo.
 

Nuova ricerca sulla perdita di capelli, trattamenti di tubazioni

I farmaci esistenti per il trattamento della perdita dei capelli hanno un’efficacia limitata e richiedono un uso continuo per continuare i benefici del trattamento.
 
I ricercatori hanno scoperto i meccanismi che danno origine a capelli grigi e calvizie.
I ricercatori continuano a lottare per il santo graal delle cure per la perdita dei capelli cercando di ottenere una migliore comprensione di come il ciclo di crescita dei capelli è controllato. Piuttosto che trattare i sintomi della perdita di capelli, gli scienziati mirano a individuare la causa, che a sua volta può produrre meno effetti collaterali. Recentemente, ci sono state numerose scoperte nell’arena della caduta dei capelli che potrebbero portare a nuovi trattamenti promettenti.

Proteina KROX20, gene SCF

I ricercatori dell’Università del Texas (UT) Southwestern Medical Center di Dallas hanno identificato una proteina chiamata KROX20, che accende le cellule della pelle e dice loro di diventare capelli. Inoltre, queste cellule precursori dei capelli continuano a produrre una proteina chiamata fattore di cellule staminali (SCF), che svolge un ruolo fondamentale nella pigmentazione dei capelli.
Quando il gene SCF è stato eliminato nelle cellule dei precursori dei capelli nei topi, hanno sviluppato capelli grigi che sono diventati bianchi con l’età. Inoltre, quando le cellule produttrici di KROX20 venivano rimosse, i capelli cessavano di crescere e i topi diventavano calvi.
“Con questa conoscenza, speriamo in futuro di creare un composto topico o di consegnare in sicurezza il gene necessario ai follicoli piliferi per correggere questi problemi estetici”, ha affermato il dott. Lu Le, professore associato di dermatologia presso UT Southwestern.
Il lavoro futuro del team si concentrerà sulla scoperta se il gene KROX20 e il gene SCF smettano di funzionare correttamente e conducano alla calvizie maschile.

Genetica alla base della calvizie maschile

Uno studio condotto dall’università di Edimburgo nel Regno Unito ha scoperto 287 regioni genetiche coinvolte nella calvizie maschile. Molti dei geni identificati dai ricercatori erano legati alla struttura e allo sviluppo dei capelli.
“Abbiamo identificato centinaia di nuovi segnali genetici”, ha detto Saskia Hagenaars, un dottorato di ricerca. studente del Centro per l’invecchiamento cognitivo e l’epidemiologia cognitiva dell’Università di Edimburgo. “È stato interessante scoprire che molti dei segnali genetici per la calvizie maschile derivavano dal cromosoma X, che gli uomini ereditano dalle loro madri”.
Non solo i risultati del team possono aiutare a prevedere la probabilità di un uomo di sperimentare una grave perdita di capelli, ma potrebbero anche fornire nuovi obiettivi per lo sviluppo di farmaci per il trattamento della calvizie.

Cellule immunitarie difettose

Ricercatori dell’Università della California-San Francisco (UCSF) hanno riferito che i difetti in un tipo di cellula immunitaria chiamata Tregs – che di solito sono associati al controllo dell’infiammazione – potrebbero essere responsabili di un diverso tipo di perdita di capelli: l’ alopecia areata . Dicono che anche le Treg possano avere un ruolo nella calvizie maschile.
In un modello murino, Michael Rosenblum, Ph.D., un assistente professore di dermatologia alla UCSF, e colleghi hanno scoperto che le Tregs attivano le cellule staminali nella pelle, che promuovono capelli sani. Senza la collaborazione con Tregs, le cellule staminali non sono in grado di rigenerare i follicoli piliferi e questo porta alla caduta dei capelli.
“È come se le cellule staminali della pelle e le Tregs si siano co-evolute, cosicché le Treg non solo proteggono le cellule staminali dall’infiammazione, ma prendono anche parte al loro lavoro rigenerativo”, ha spiegato il Prof. Rosenblum. “Ora le cellule staminali si affidano completamente ai Treg per sapere quando è il momento di iniziare la rigenerazione.”

Inibitori JAK

La crescita dei capelli può essere ripristinata inibendo la famiglia di enzimi Janus kinase (JAK) che si trovano nei follicoli piliferi, secondo gli investigatori del Columbia University Medical Center (CUMC) di New York City, New York.
Test con i follicoli dei capelli umani e del topo hanno dimostrato che l’applicazione diretta degli inibitori JAK sulla pelle favorisce una “crescita rapida e robusta dei capelli”. Due inibitori JAK approvati dalla FDA includono ruxolitinib (per il trattamento delle malattie del sangue) e tofacitini (per il trattamento dell’artrite reumatoide ).
In una piccola sperimentazione clinica , Angela M. Christiano, Ph.D. – Richard e Mildred Rhodebeck, professore di dermatologia e professore di genetica e sviluppo alla CUMC – hanno riferito che il trattamento di alopecia areata da moderata a grave con ruxolitinib ha innescato una ricrescita media del 92%.
Il prof. Christiano e il team hanno in programma di espandere i loro studi per includere la sperimentazione di inibitori JAK in altre condizioni e calvizie. “Ci aspettiamo che gli inibitori della JAK abbiano un’utilità diffusa in molte forme di perdita di capelli in base al loro meccanismo d’azione sia nel follicolo pilifero che nelle cellule immunitarie”, ha aggiunto.

Cellule staminali

I ricercatori del Sanford-Burnham Medical Research Institute di San Diego, in California, hanno sviluppato una tecnica per generare nuovi capelli utilizzando cellule staminali pluripotenti. Questo metodo fornirebbe una fonte illimitata di cellule senza essere limitato al trapianto di follicoli da una parte all’altra della testa.
Alexey Terskikh, Ph.D., professore associato nel programma di sviluppo, invecchiamento e rigenerazione a Sanford-Burnham, e collaboratori hanno persuaso le cellule staminali pluripotenti umane a diventare cellule della papilla dermica.
“Abbiamo sviluppato un protocollo per guidare le cellule staminali pluripotenti umane a differenziarsi nelle cellule della papilla dermica e confermato la loro capacità di indurre la crescita dei capelli quando trapiantati nei topi”, ha affermato il prof. Terskikh. Il prossimo passo nella loro ricerca è “trapiantare le cellule di papilla dermica umana derivate da cellule staminali pluripotenti umane in soggetti umani”.
Sebbene i progressi giganti per curare la calvizie vengano fatti nei laboratori di tutto il mondo, la ricerca è in corso e l’attesa per una soluzione permanente continua.

 

Categoria: Bellezza



I nostri
Best
Sellers


Segnalato su