Info Line: 0864.27.19.23
Prodotti Bellezza Salute online Farmacia online
Ricerca avanzata
8 Febbraio 2018 / Farmajet - Farman News

Artiglio del Diavolo il rimedio per l’artrite e le tendiniti

L’artiglio del diavolo ha diverse proprietà. La pianta viene sfruttata in medicina per la sua radice, che è composta da antinfiammatori naturali. Diversi studi su questi estratti vegetali, diventati rari; l'obiettivo è quello di sviluppare "biofattorie" per produrli.
Artiglio del Diavolo il rimedio per l’artrite e le tendiniti
Nel profondo deserto dell'Africa del Kalahari si trova l'artiglio del diavolo, una pianta che può rappresentare la chiave per trattamenti efficaci per l' artrite , le tendiniti e altre malattie che colpiscono milioni ogni anno. Sfortunatamente, anni di siccità hanno spinto l'artiglio del diavolo verso l'estinzione, così gli scienziati si stanno sforzando di escogitare nuovi modi per produrre le preziose sostanze chimiche medicinali dell'artiglio del diavolo e di altre piante rare.

Un gruppo di scienziati ha riportato un importante progresso verso questo obiettivo. Al 238 ° Meeting Nazionale dell'American Chemical Society (ACS) hanno descritto il primo metodo efficace per produrre gli ingredienti attivi nell'artiglio del diavolo - ingredienti che hanno fatto scalpore l'artiglio del diavolo nella medicina alternativa in Europa. La loro tecnica potrebbe alla fine portare allo sviluppo di "biofattorie" che potrebbero produrre enormi quantità di estratti vegetali rari in modo rapido e a basso costo.

Milen I. Georgiev, Ph.D., che ha consegnato il rapporto, ha sottolineato che per migliaia di anni, le popolazioni native dell'Africa meridionale hanno usato l'artiglio del diavolo come rimedio per un numero enorme di disturbi, tra cui febbre , diarrea e malattie del sangue. Oggi ci sono dozzine di medicinali e prodotti a base di erbe in tutto il mondo che si basano su prodotti chimici derivati dall'artiglio del diavolo.

In particolare, gli studi suggeriscono che due sostanze chimiche - i cosiddetti glicosidi iridoidi arpagoside e harpagide - possono avere effetti benefici nel trattamento dell'artrite reumatoide degenerativa , dell'osteoartrosi, della tendinite e di altre condizioni, ha detto Georgiev.

"In Germania, 57 prodotti farmaceutici basati sull'artiglio del diavolo, commercializzati da 46 società diverse, hanno un volume di vendite cumulativo da solo superiore a 40 milioni di dollari". Georgiev ha notato. Negli Stati Uniti, gli estratti di artiglio del diavolo sono in sperimentazione clinica di fase II per il trattamento dell'artrite dell'anca e del ginocchio. Altri usi promettenti non sono molto indietro. Ma mentre la domanda di questi composti benefici è in aumento, la fornitura di un artiglio del diavolo naturale sta diminuendo.

"L'artiglio del diavolo affronta problemi significativi con il suo rinnovamento naturale, soprattutto le scarse precipitazioni", osserva Georgiev. "Questi problemi stanno guidando gli sforzi per trovare modi alternativi per produrre composti di alto valore dall'impianto, indipendentemente da fattori geografici e climatici", dice.

Attualmente, oltre il 25 percento di tutti i farmaci prescritti utilizzati nei paesi industrializzati deriva direttamente o indirettamente dalle piante, molte delle quali sono rare e a volte in via di estinzione. "Radice pelosa", una malattia infettiva delle piante causata dai batteri del suolo, l'Agrobacterium rhizogenes, è al centro di una promettente nuova tecnica che potrebbe un giorno portare a "biofattorie" che producono medicinali derivati da piante rare in quantità enormi a basso costo. Georgiev osserva che le radici pelose sono un grande miglioramento rispetto alla tradizionale coltura di piante a effetto serra.

"Le colture di radici trasformate possiedono rapidi tassi di crescita, stabilità genetica e biochimica e la capacità di sintesi dei metaboliti delle piante e va anche ricordato che la quantità di metaboliti attivi nelle piante coltivate naturalmente in serra varia significativamente stagionalmente", osserva Georgiev. Al contrario, le biofarmaci a base di radici pelose potrebbero produrre costantemente alti livelli di metaboliti vegetali durante tutto l'anno.

Georgiev e il suo team sono i primi a indurre le radici pelose dell'artiglio del diavolo. Hanno preso le radici dell'artiglio del diavolo e le hanno infettate con i batteri del suolo di A. rhizogenes - un ingegnere genetico naturale - per creare un sistema di radici pelose per produrre le principali sostanze chimiche medicinali della pianta. I loro studi hanno dimostrato una crescita stabile e un'alta produzione di glicosidi iridoidi e arpagoside e harpagide. Studi precedenti erano solo in grado di produrre uno di questi due composti.

Georgiev osserva che c'è ancora molta strada da fare prima che le biofarmacie di radici pelose vengano commercializzate, ma spera di rendere la tecnologia pronta all'uso entro pochi anni.

"Il nostro obiettivo è sviluppare questa tecnologia, quindi stiamo prestando attenzione non solo ai compiti scientifici fondamentali, ma anche a quelli relativi ad alcuni dei problemi tecnologici associati alle biofattorie di radici pelose", ha detto Georgiev. "È il desiderio di ogni scienziato di vedere i frutti del suo lavoro: nel caso attuale, speriamo di poter sviluppare una tecnologia di laboratorio economica per la produzione di questi metaboliti importanti dal punto di vista farmaceutico entro i prossimi cinque anni".

Acquistalo su Farman.it al miglior prezzo online:

Artiglio del diavolo puro biodisponibile 50 capsule da 500 g

Vedi tutti i prodotti con #artiglio del diavolo

Categoria: Salute



I nostri
Best
Sellers


Segnalato su